free html website templates

Notizie

Innovazione Tennis Italiano

E FINISCE QUI?

Lettera del Presidente

17/12/2018 

I nostri più fedeli lettori ricorderanno come nelle nostre comunicazioni, abbiamo più volte sottolineato che lo scopo dei Circuiti Regionali non deve essere quello di fare concorrenza al Circuito Nazionale GranPrix bensì fare da ponte verso il medesimo, una sorta di collegamento logico fatto in modo che gli uni alimentino l’altro. 

Non solo: ma quando siamo partiti con il programma del Visconteo, lo abbiamo fatto per pura passione ed avendo capito il vantaggio dell’avere un Circuito di tornei per una certa categoria di giocatori. I Circuiti, da alcuni (a torto) poco apprezzati, secondo noi rappresentano invece una buona soluzione specialmente per gli atleti Senior a cui sicuramente interessa giocare ma in un modo pianificato e programmatico: per loro è un grosso aiuto avere un piano di tornei ad hoc a loro dedicato rappresentato da un “circuito” ed il giocatore può organizzarsi al meglio a fronte di una calendarizzazione di opportunità di gioco a lui rese note per tempo. 

Certamente, sarebbe bellissimo riuscire a soddisfare tutte queste esigenze in termini di livello e di età. Da questi concetti sono scaturite diverse riflessioni introspettive che partono dal fatto che affinchè le attività regionali siano comparabili e commisurabili con l’attività nazionale, i Circuiti Regionali dovrebbero avere anche un anima Open ossia senza limitazioni di classifica...cosa che attualmente non è, o per lo meno in tutte le regioni d’ Italia: in altri termini attualmente non abbiamo una situazione omogenea su tutto il territorio nazionale. 

La logica ci porta allora ad avere come obiettivo il creare un anello di congiunzione tra il Circuito Nazionale (senza limitazioni di classifiche, marchiati ITF ed a copertura di tutte le categorie di età) ed i vari Circuiti Regionali (con limitazioni di classifica e abbraccianti solo alcune categorie di età): questo è il concetto di cui ci siamo fatti promotori presso la Commissione Veterani di Roma. 

Ma il “collegare” il Nazionale con il Regionale presenta tuttavia una problematica non trascurabile, ossia come creare una raccordatura logica di due mondi di tornei con diverse limitazioni di classifiche? 

A questo punto la Commissione Nazionale Veterani, è stata chiamata ad impegnarsi nel trovare una soluzione al problema, ossia una formula o un criterio che permettesse di creare questa unione. Una prima soluzione (anno 2018) è stata individuata nell’assegnare una wild card ad alcuni dei vincitori delle Finals dei Circuiti Regionali per garantire loro l’accesso alle Finals del GranPrix Nazionale sponsorizzato dalla Federazione: per quest’anno infatti il Visconteo è stato rappresentato dal vincitore delle Finals 2018 categoria O60. Questa è stata una soluzione temporanea in attesa del varo di un meccanismo un pochino più fluido. 

Da qui la presa di coscienza della necessità di una evoluzione...ma come ogni evoluzione, questa deve avvenire in modo intelligente. 

Come è avvenuta questa evoluzione? 

La Commissione Veterani ha espressamente chiesto ai vari Comitati Regionali di organizzare, a partire dal prossimo anno, alcuni tornei Open per la categoria Senior. E qui viene spontaneo domandarsi: una volta che i giocatori avranno a portata di mano nelle proprie Regioni, anche tornei Senior Open, saranno comunque invogliati a partecipare alle prove del Circuito Nazionale GranPrix sicuramente più costosi delle prove di circuito regionali? Solo gli eventi ci daranno questa risposta 

Di fatto, alcuni Comitati Regionali hanno deciso di appoggiarsi (logicamente) alle organizzazioni che già da qualche tempo portavano avanti le attività Senior regionale: la Lombardia inaspettatamente ha invece deciso di agire autonomamente, organizzando un Circuito Regionale Senior Open ufficiale lasciando all’affiliato ASD ITI organizzatrice del Circuito Visconteo la scelta o la rinuncia di affiancarsi al nuovo Circuito Regionale federale svolgendo la sua programmazione di tornei portata avanti da 8 anni a questa parte con il nome di Circuito Visconteo. 

Ora, l’ASD ITI-Innovazione Tennis Italiano, ritenendo una inutile ridondanza il duplicare un Circuito Regionale Senior nella regione Lombardia, ha allora preferito fare un passo indietro per lasciare spazio al nuovo Circuito Senior federale, ufficiale e non creare una inutile sovrapposizione e confusione. 

E così dopo anni di onorata militanza, cesserà di esistere il Circuito Visconteo che ha già dato evidenza di ottimi risultati e sembra che ormai abbia fatto il suo tempo. 

Riusciranno gli organi federali lombardi a mantenere i valori costruiti dal Circuito Visconteo e la passione del team organizzativo dimostrata nel corso degli anni? E’ quello che vedremo presto. 

Ciò che nessuno potrai mai più cambiare o confutare sono i risultati ottenuti dalle manifestazioni del Visconteo: infatti senza dubbio uno dei meriti del Circuito Visconteo (in Lombardia) prima e del Circuito Sabaudo (in Piemonte) poi, è stato quello di alzare il livello di attenzione delle autorità federali sul movimento Senior. 

Eppure i due Circuiti Regionali in se, non erano una novità: infatti i Circuiti Regionali dell’Emilia Romagna e del Lazio già da tempo portano avanti la loro programmazione di tornei di categoria: ma è anche vero che queste manifestazioni sono rimaste nel tempo fine a se stesse. Ci voleva un’altra massa critica per avviare il volano, una onda magari generata da più Regioni, ….. ed il Visconteo ed il Sabaudo volevano raggiungere proprio questo obiettivo. 

E così in effetti è stato ma purtroppo come alcune volte succede nella vita l’epilogo delle cose non combacia con le aspettative o non segue dei criteri meritocratici veri e propri. 

Qualora in futuro ci sia un cambiamento di rotta ed una apertura del Comitato Regionale Lombardo verso un assetto diverso del programma Senior, saremo sicuramente pronti a cogliere l’opportunità ed a rimetterci in gioco. Sarete informati come al solito attraverso la pagina FaceBook del Circuito e attraverso la pagina del sito della ASD Innovazione Tennis Italiano 

A questo punto però voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno accompagnato nel corso degli anni in questo bellissimo viaggio 

a tutti coloro che hanno fatto parte del Team organizzativo: Marco Bisi, l’amico fondatore; Patrizia Visciani, colei che mi convinto a lanciarmi in questa avventura; Mattia Livraghi, maestro ed esperto di settore; il compianto Gianni Peretti ottimo mediatore; Cinzia Rossi, iniziatrice del Circuito femminile; Francesco Pellegrino, colui che mi ha aiutato a riavviare il volano; Carla Negrini (Baby), abile gestore di pratiche federali e tornei; ed infine Paolo Esposito, il nostro creativo. Spero di non aver dimenticato nessuno 

a tutti gli sponsor che ci hanno sostenuto in questi anni: senza di loro non saremmo riusciti a fare nemmeno una singola prova di circuito

a tutti i Circoli che ci hanno dato fiducia ed hanno aderito alla nostra iniziativa

a tutti voi giocatori appassionati che siete stati i veri protagonisti di questo bellissimo circuito Senior, che avete animato il Visconteo con numeri di partecipazioni che pochi altri Circuiti sono riusciti ad eguagliare…e questo non ce lo porterà mai via nessuno.

Grazie, grazie e grazie ancora

Per ora è tutto per cui non mi resta che augurare al nuovo Circuito Regionale Federale una buona partenza ed a tutti i giocatori del Visconteo, un augurio di buon tennis ma sopratutto, viste le imminenti festività, auguro a tutti i nostri amici un felice Natale e un prospero anno nuovo. 

Elio Bergamaschi 
Presidente ASD Innovazione Tennis Italiano Organizzazione Circuito Visconteo & Ideatore del Circuito Sabaudo 

 

Contatti

Elio Bergamaschi 335.5841188
Patrizia Visciani 333. 6803592
Carla Negrini 345.8832645